Benvenuti! E-Mail: maestromenchise@gmail.com, Telefono:+39 339 3108750

Archives

Written by
Il M°Menchise Direttore artistico di “Tosca”, 1 dicembre al Teatro “Stabile” di Potenza

Il M°Menchise Direttore artistico di “Tosca”, 1 dicembre al Teatro “Stabile” di Potenza

La più celebre opera lirica di Giacomo Puccini di scena il primo dicembre (ore 18) al teatro “F. Stabile” di Potenza: “Tosca”. Un progetto nato su iniziativa dal Concertatore e Direttore d’Orchestra di fama internazionale, il Maestro Pasquale Menchise che, questa volta, veste i panni del Direttore artistico e affida al M°Dejan Savic la Direzione del Coro Schola Cantorum Labronica, del Coro Ragazzi Melos, dell’Orchestra Filarmonica federiciana e degli otto interpreti: Silvia Pacini (Floria Tosca), Giovanni Cervelli (Cavaradossi), Mamuka Lomidze (Scarpia), Alessandro Calamai (sagrestano), Ferruccio Finetti (Angelotti/carceriere), Silvio Ricciardi (Sciarrone), Guido Bernoni (Spoletta), Veronica Bria (pastorello). Maestro collaboratore Nicola Iannielli.

Molto più di un’esecuzione, un vero e proprio spettacolo per la regia di Tommaso Geri. Un grande evento per appassionati del genere e non solo, nell’ambito della VIII stagione Basilicata-Lirica, organizzato dall’Associazione musicale “Orchestra da Camera Lucana”. Costumi e scene a cura del teatro “del Giglio” di Lucca.

“Con grande soddisfazione portiano il grande melodramma a Potenza sulla scia – sottolinea il M° Pasquale Menchise – di un percorso avviato questa estate con la suggestiva messa in scena di “Pagliacci” di Leoncavallo in Piazza Prefettura. C’è sicuramente tanto entusiasmo e un vivissimo apprezzamento da parte di un’ampia fetta di pubblico di adulti, ma anche di tanti giovani e giovanissimi, attratti dal fascino e dalla magia della lirica. Portare, anche nella nostra Basilicata, all’attenzione di un numero crescente di spettatori le grandi produzioni che hanno fatto la storia dell’opera in Italia è un obiettivo certamente importante da perseguire e sono felice di farlo, anche questa volta, in sinergia con la rete di professionisti della musica del nostro territorio. Sono grato, tra l’altro, della bella intesa stretta con il Teatro di Lucca, particolarmente legato alla produzione pucciniana”.

Rivive così, anche nel capoluogo lucano, il melodramma in tre atti di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, tratto dal dramma di Victorien Sardou, composto da Puccini tra il 1896 e il 1899, rappresentato per la prima volta a Roma, al Teatro Costanzi, il 14 gennaio del 1900.

Un appuntamento promosso e sostenuto dall’Associazione musicale “Orchestra da Camera Lucana”, dalla Regione Basilicata nell’ambito del Piano Spettacolo e dal Mibact, con il patrocinio del Comune di Potenza.
Biglietto unico 10 euro. Prevendite su www.ciaotickets.com. Rivendite presso il Tabacchi Buchicchio in via della Tecnica n.4 e il Conservatorio di Musica “G. da Venosa”.

Tosca_locandina

Il Quotidiano_28 nov 2019

La Nuova_28 nov 2019

La Nuova 30 nov

Il Quotidiano_1 dic


 

Intervista su La Gazzetta del Mezzogiorno del 5 dicembre 2019

Intervista su La Gazzetta del Mezzogiorno del 5 dicembre 2019

L’opera “Pagliacci” in piazza a Potenza

L’opera “Pagliacci” in piazza a Potenza

Venerdì 5 luglio 2019 alle ore 21 in Piazza Mario Pagano a Potenza andrà in scena l’opera Pagliacci di Ruggero Leoncavallo, con la direzione d’Orchestra a cura del M° Pasquale Menchise e la Regia di Gianpiero Francese.

L’evento è organizzato dall’Associazione Leoncavallo in collaborazione con l’Associazione Cosmopoli e Ateneo Musica Basilicata.
Info. 333 7572559 – 0971 23024.

pagliacci-1

la gazzetta

la nuova

il quotidiano


 
gazzetta

la nuova

il quotidiano

la gazzetta

la gazzetta_8luglio 2019


 
la gazzetta12 luglio

AL M° MENCHISE IL PREMIO “LUCANI IN PRIMO PIANO 2019” DEL CLUB ROTARY POTENZA TORRE GUEVARA

AL M° MENCHISE IL PREMIO “LUCANI IN PRIMO PIANO 2019” DEL CLUB ROTARY POTENZA TORRE GUEVARA

Su iniziativa del club Rotary Potenza Torre Guevara è in programma per venerdì 14 giungo (ore 18) al Museo archeologico nazionale “D. Adamesteanu” la cerimonia di consegna del premio “Lucani in primo piano 2019”: premio che quest’anno sarà assegnato al Maestro Pasquale Menchise.

In apertura i saluti del presidente del club potentino, Gianfranco Apostolo, e del Governatore del Distretto Rotary 2120, Donato Donnoli. A seguire il caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno Massimo Brancati e la giornalista Annamaria Sodano intervisteranno il M° Menchise rivolgendogli una serie di domande sulla sua attività alla ribalta dei più importanti teatri del mondo, come il Musikverein di Vienna o il Théâtre du Châtelet di Parigi. Domande e curiosità che non potranno prescindere dal mettere in evidenza, ad esempio, il suo impegnato alla direzione di “Belcanto, The Luciano Pavarotti Heritage” prodotto dalla Fondazione Pavarotti presentato in prima mondiale al New York City Center di Broadway nel 2013 e o alla direzione del festival “I Solisti del Settecento napoletano”, nato nel 1990 da una sua idea, formazione artistica composta da maestri del Teatro San Carlo di Napoli.

“Ringrazio sentitamente il club Rotary Potenza Torre Guevara per questo riconoscimento. Ricevere un premio – dichiara il M° Menchise – fa sempre molto piacere. Nella mia carriera ne ho ricevuti tanti, ma quando accade qui nella mia città, ha un effetto del tutto speciale. E’ come un grande abbraccio. L’affetto, l’amore, l’amicizia, la stima che ricevo è una ricarica di energia preziosa che mi porto dentro quando poi parto per esibirmi a chilometri e chilometri di distanza da casa”.

“Musica: sinfonia dell’anima” tema alla base della motivazione posta alla base dell’assegnazione del premio al M° Menchise. “Come da tradizione consolidata -spiega il presidente del club Rotary Potenza Torre Guevara, Apostolo – la giuria ha individuato, tra le tante proposte, un lucano illustre che con il suo impegno concorre a far conoscere la Basilicata nel mondo. Consegnerò personalmente il premio “Lucani in primo piano 2019” al M° Menchise alla luce della sua indiscussa fama internazionale, della sua grande popolarità di cui gode tra noi lucani e nel forte radicamento alle sue origini”.

gazzetta

La Nuova

quotidiano

Gazzetta_15 giugno

foto

“NOTES INTIMES” AL THÉÂTRE SENGHOR DI ETTERBEEK, BRUXELLES:  IL M°MENCHISE CON “HOMMAGE A PAVAROTTI” IL 19 MARZO

“NOTES INTIMES” AL THÉÂTRE SENGHOR DI ETTERBEEK, BRUXELLES: IL M°MENCHISE CON “HOMMAGE A PAVAROTTI” IL 19 MARZO

Sarà il M° Pasquale Menchise il chef d’orchestre per “Hommage a Luciano Pavarotti” martedì 19 marzo 2019 (ore 19,45) al Théâtre Senghor di Etterbeek, Bruxelles. Sul palco con il soprano italo-californiano Lauren Libaw, parigina d’adozione, e il tenore messicano Rodrigo Martinez Trosino, Menchise dirigerà l’Ensamble de l’Académie d’Etterbeek per il primo dei quattro concerti nell’ambito di “Notes intimes”, evento organizzato da O.P.I.C.E. sprl Organismo permanente per l’integrazione de la cultura europea – di cui è direttore generale e artistico l’italo-belga Antonio Vilardi – con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Bruxelles e delle Ambasciate messicana, statunitense e belga.

imm in evidenza

Quattro incontri privilegiati con una decina di autorevoli personaggi, esponenti della scena contemporanea europea tra musicisti, interpreti e compositori. Appuntamenti d’eccezione a ingresso gratuito, su prenotazione, preceduti da momenti di incontro con la stampa.

“Sono onorato di far parte di questa rassegna che celebra il meglio della musica europea a cui – spiega il M° Pasquale Menchise – porto il mio personale contributo con un concerto dedicato a Pavarotti, con arie e duetti del più celebre melodramma italiano. Oltre alla direzione dell’Ensamble sarò impegnato anche al pianoforte nell’esecuzione di alcuni brani. Ma ciò che mi emoziona di più è sapere di essere tra gli intervistati all’incontro con i giornalisti. Di certo porterò alta la bandiera del nostro Paese e della Basilicata”.

Microsoft PowerPoint - invitation 19 marzo 2019 [Mode de compati

L’omaggio a Pavarotti della serata-evento che avrà per protagonista il direttore d’orchestra e compositore lucano allunga, dunque, il fil rouge che lega Menchise a Big Luciano: un sodalizio che parte dal 2013, da quando è alla direzione dell’Orchestra e dei cantanti della Fondazione Pavarotti per “Belcanto, The Luciano Pavarotti Heritage”.

Il programma di “Notes intimes” prevede, inoltre, il 2 aprile il concerto “Da Rossini a la Bell’Epoque”; il 25 aprile “La musica ottomana, tra l’Europa e l’Oriente”; il 4 giugno “Giacomo Puccini, una vita tra l’Italia e il Belgio”.

Microsoft PowerPoint - Présentation flyers notes intimes [Mod

La “Via crucis” di Stabile trascritta e orchestrata dal M°Menchise

La “Via crucis” di Stabile trascritta e orchestrata dal M°Menchise

Nell’ambito del cartellone musicale della XXXI Stagione concertistica di Ateneo Musica Basilicata, in collaborazione con la Provincia di Potenza, appuntamento sabato 24 marzo, alle ore 20:00, nella Chiesa Santa Maria del Sepolcro di Potenza, con la Via Crucis di Francesco Stabile per due tenori, baritono e pianoforte: una prima esecuzione assoluta trascritta e orchestrata dal M° Pasquale Menchise che dirige l’Orchestra Meridies, cui si affiancheranno le voci del Coro Polifonico “Vox Populi” diretto dal M°Paola Guarino e la recitazione dell’attrice Nicole Millo.

la Gazzetta_24 marzo 2018

La Nuova_24 marzo 2018

Il Quotidiano_24 marzo 2018

 

Leggi l’articolo su Festival News

articolo_jpeg

“Premio Alarico 2018 per la Musica” al Maestro Menchise

“Premio Alarico 2018 per la Musica” al Maestro Menchise

Un nuovo e prestigioso riconoscimento per il Maestro Pasquale Menchise direttore d’orchestra e compositore. Ieri sera nella splendida cornice del Teatro Lirico di Tradizione “A. Rendano” di Cosenza è stato insignito della menzione d’onore del “Premio Alarico 2018 per la Musica”, terza edizione, nell’ambito del Gran Galà della Cultura. Organizzata dalla M.E.A. Concerti Italia con il patrocinio del Comune di Cosenza, della Regione Calabria e del Teatro, la manifestazione premia annualmente personalità di rilievo che con il loro impegno abbiano contributo, in vari ambiti, a tradurre in azione lo slogan “Calabria Terra di Cultura”.

“Doveroso tributo ad un talento tutto italiano che non ha mai lasciato la propria patria. Carriera prodigiosa segnata da umiltà e ricchissima umanità, devolute alla costante attenzione del patrimonio storico e culturale del nostro Paese. Concerti come pietre miliari ogni dove nel mondo: da Central Park a Vienna, da Mosca all’Arena di Verona, fino al cuore del colonnato di Bernini in Vaticano”. E’ quanto si legge nelle motivazioni del Premio consegnato al lucano Menchise dal Direttore artistico del Teatro, Lorenzo Parisi.

“Ringrazio la dott.ssa Sofia Vetere, Presidente del Premio e gli altri componenti della Commissione. Ricevere tale riconoscimento – dichiara il Maestro Menchise – in un teatro che mi ha visto lavorare ed essere protagonista per tanti anni e, tra l’altro, in una città a cui sono profondamente legato per tantissimi motivi, è stato per me davvero un onore e una grande emozione”.

pergamena premiazione

26685730_10214570521086604_4394716836199713184_o

26173731_10214570516366486_3884495542947994108_o

Sofia Vetere, Pasquale Menchise, Lorenzo Parisi_consegna Premio Alarico

locandina

Il Quotidiano_7 gennaio 2018

La Gazzetta_7 gennaio2018

“L’anno che verrà”: il M°Menchise sarà in collegamento da Venosa

“L’anno che verrà”: il M°Menchise sarà in collegamento da Venosa

Lo scorso anno è stato protagonista della cartolina-spot che ha lasciato assaporare al pubblico del Capodanno di Rai Uno, trasmesso da Potenza, tutto il fascino della Città di Orazio. Quest’anno lo sarà del collegamento in diretta da Venosa, da dove tramite maxischermo sarà possibile seguire lo show trasmesso, quest’anno, da Maratea. Sarà, ancora una volta, tra i testimonial culturali della Basilicata durante la lunga notte de “L’anno che verrà”.

Il 31 dicembre il Maestro Pasquale Menchise sarà in collegamento dalla piazza di Venosa al fianco della giornalista Francesca Barra alle ore 22,30 e, anche, dopo la mezzanotte per il tradizionale scambio di auguri.

Contattato dalla produzione Rai, il M°Menchise dirigerà un quartetto d’archi nell’ambito di una performance musicale che sarà l’occasione per far partire lo sketch comico dell’imitatore David Pratelli.

“Ho l’onore di comparire, anche quest’anno – dichiara il Maestro Menchise – durante la diretta del Capodanno di Rai Uno. Sono stato contattato personalmente dal direttore di produzione con cui, nei giorni scorsi, abbiamo definito i dettagli di quello che andremo a dire e a fare in quei minuti di collegamento. Sono ovviamente molto emozionato, ma soprattutto sento di essere grato per questo ulteriore riconoscimento alla mia persona, al mondo della musica che rappresento e, anche, alla nostra terra che finalmente comincia davvero a ricevere la giusta attenzione per lo straordinario patrimonio storico-artistico e culturale e per le innumerevoli e incredibili potenzialità dal presente che dobbiamo proiettare sul futuro”.

1_Gazzetta 29.12.17_primapag

2_Gazzetta 29.12.17

3_LaNuova_29.12.17

4_Quotidiano 29.12.17

5_Il Roma_29.12

6_Gazzetta_30.12.16

7_Gazzetta_31-12-17

8_Quotidiano_31.12

untitled

A Venosa il 22 dicembre: Festival “I Solisti del Settecento napoletano”

A Venosa il 22 dicembre: Festival “I Solisti del Settecento napoletano”

Dopo Napoli, Milano, Assisi e Roma fa tappa a Venosa il Festival “I Solisti del Settecento napoletano” diretto dal Maestro Pasquale Menchise. L’appuntamento conclusivo del tour, che porta in scena la più autorevole ed emozionante tradizione musicale settecentesca partenopea, con un programma che spazia da Paisiello a Cimarosa, da Porpora a Hasse, è atteso nella Città di Orazio venerdì 22 dicembre (ore 20) nella Cattedrale di Sant’Andrea.

Il M° Menchise dirigerà gli elementi dell’Orchestra da Camera napoletana che si sono già esibiti da Londra a Osaka, da New York a Hong Kong, da Santiago del Cile a San Francisco e, anche, nel prestigiosissimo Musikverein di Vienna. La formazione artistica, nata nel 1990 da un’idea del M° Menchise e del M° Angelo Iollo, è composta totalmente da maestri del Teatro San Carlo di Napoli. Di scena a Venosa, anche, il M° Silvano Maria Fusco al violoncello e il soprano Nunzia De Falco.

E’ un evento sostenuto da Mibact e Regione Basilicata. Patrocinato anche dal Comune di Venosa, dal Rotary Club di Venosa e dall’Orchestra Sinfonica lucana di cui Menchise è Direttore stabile. “Ho espressamente voluto – dichiara il M° Menchise – che l’appuntamento conclusivo fosse proprio nella mia terra. Ritengo importante avere, anche da noi, esperienza diretta di spettacoli di musica di così alto profilo che nei teatri di tutto il mondo ricevono puntualmente uno straordinario apprezzamento. Anche la Basilicata, tanto con l’appuntamento del Capodanno Rai quest’anno a Maratea e l’anno prossimo a Venosa quanto con il grande evento di Matera 2019, si apre finalmente, in maniera sempre più convinta e strutturata, a proposte culturali di ampio respiro e dalla valenza internazionale”.
***
Direttore d’Orchestra e Compositore lucano, il M° Pasquale Menchise ha diretto in diversi teatri tra i più importanti al mondo e collaborato con artisti di fama internazionale, come Luis Bacalov, Angelo Branduardi, Katia Riccarelli, Franco Battiato, Placido Domingo. E’, tra l’altro, fondatore e direttore del Coro lirico della Provincia di Potenza, Maestro del Coro lirico del Teatro comunale di Cosenza, Docente di Armonia e Analisi al Conservatorio di Salerno, Direttore della neo Orchestra Matera 2019, Direttore musicale nazionale Unpli, Direttore musicale e d’orchestra dell’opera-musical “Belcanto The Luciano Pavarotti Heritage”, Direttore artistico dell’Associazione Mozartiana Lodi K80.
Il M° Silvano Maria Fusco è docente di violoncello al Conservatorio di Avellino. Primo violoncello dell’Orchestra regionale Campana, dell’Orchestra del Teatro Verdi di Salerno, dell’Orchestra Filarmonica marchigiana, dell’Orchestra della Provincia di Foggia, dell’Orchestra regionale del Lazio, dell’Orchestra della Provincia di Avellino, dell’Orchestra del Teatro Cilea di Reggio Calabria, dell’Orchestra dell’Opera di Roma. Secondo violoncello al Teatro di San Carlo di Napoli e del Teatro Bellini di Catania.
Nunzia De Falco, giovane soprano di Salerno, è musicista eclettica, molto attiva sul versante concertistico e operistico. Si occupa, tra l’altro, anche di ricerca musicologica. Ha dato voce e ha vestito gli abiti di tante protagoniste di celebri partiture, come: Alice nel Falstaff di Verdi, Adina in Elisir d’amore di Donizetti, Berta nel Barbiere di Siviglia di Rossini, Donna Armida di Cimarosa, Clelia di Jommelli. Dall’opera al repertorio sacro, come ne ‘La Petit Solennelle’ di Rossini e lo ‘Strabat Mater’ di Pergolesi.

brochure-int

La Nuova-21 dicembre 2017

La Gazzetta_22 dicembre 2017

“I Solisti del Settecento napoletano” il 29 novembre ad Assisi

“I Solisti del Settecento napoletano” il 29 novembre ad Assisi

Nuovo appuntamento con la più autorevole ed emozionante tradizione musicale del Settecento napoletano da Cimarosa a Haendel da Beethoven a Paisiello, da Pergolesi a Hasse. Dopo le ultime date, di ottobre a Napoli nella Chiesa della Pietà dei Turchini e di novembre a Milano nella Chiesa della Sacra Famiglia, è in programma per il 29 novembre (ore 18,30) ad Assisi nel Santuario della Spoliazione della Chiesa di Santa Maria Maggiore il concerto dell’orchestra de “I Solisti del Settecento napoletano” diretta dal Maestro Pasquale Menchise.

Prossimamente il 9 dicembre a Roma all’Auditorium della Nuvola di Fuksas e il 22 dicembre a Venosa nella Cattedrale di Sant’Andrea.

La formazione artistica, nata nel 1990 da un’idea dei Maestri Pasquale Menchise e Angelo Iollo, è composta totalmente da maestri del Teatro San Carlo di Napoli. In tuti questi anni ha svolto un’intensa attività cameristica partecipando a importanti manifestazioni culturali di rilievo nazionale ed internazionale passando da Londra, Parigi, Vienna, Budapest, Strasburgo, Bruxelles, Atene, Francoforte, San Pietro Burgo, Tokyo, Osaka, Hong Kong Boston, New York, San Francisco, Santiango del Cile.

“Grazie ad un attento studio artistico delle espressioni musicali partenopee abbiamo rivolto il nostro interesse allo straordinario patrimonio storico-musicale del Settecento napoletano mettendo in luce – evidenzia il Maestro Menchise – anche degli inediti. E’ un lavoro che ci appassiona molto e ci rende davvero orgogliosi. Siamo felici che riscuota, ogni volta, grande apprezzamento di pubblico e critica. Nel programma del concerto di Assisi abbiamo incluso anche una lettura in musica del Cantico delle Creature”. E’ un evento sostenuto da Mibact, Comune di Assisi e Confcommercio Umbria e patrocinato dalla Fondazione ‘Sorella Natura’ di Assisi del cui Comitato artistico nazionale Menchise è Presidente e dall’Orchestra da Camera e Sinfonica lucana di cui è Direttore.

Direttore d’Orchestra e Compositore, originario di Genzano di Lucania, il M°Pasquale Menchise è, tra l’altro, Docente di Armonia e Analisi al Conservatorio di Salerno, Direttore della neo costituita Orchestra Matera 2019, Direttore Musicale Nazionale Unpli, Direttore musicale e d’orchestra dell’opera-musical ‘Belcanto The Luciano Pavarotti Heritage”, Direttore artistico dell’Associazione Mozartiana Lodi K80. Ha diretto l’Accademia Filarmonica di Potenza alla presenza di Papa Giovanni Paolo II e ha composto una parte della ‘Missa mediterranea in tempore jubilaei’. Tra i Direttori del Concerto di Natale del 2010 a Montecitorio, ha revisionato e diretto alcune sinfonie di Francesco Stabile e trascritto la ‘Via Crucis’. Per ‘Camerata Tokyo’ ha registrato ed eseguito nel Santuario di San Giovanni Rotondo il brano da lui composto per orchestra, organo e timpani ‘Ode a San Pio’.

Ad impreziosire la formazione di archi, contrabasso, oboi e corni, ci saranno anche: l’organo del M°Claudio Brizi e il violino solista del M°Daniele Baione. Originario di Terni, il primo ha tenuto circa 2mila concerti in Europa, Messico, Sati Uniti e Giappone, ha inciso un’ottantina di cd dal tardo Rinascimento all’Avanguardia, è titolare di una cattedra di Organo e Composizione al Conservatorio di Parma e dal 2000 è professore di organo e clavicembalo alla Kusatsu Summer Music Academy in Giappone. Potentino, il secondo è tra i co-fondatori dell’orchestra de “I Solisti del Settecento napoletano”: ha iniziato giovanissimo al conservatorio Gesualdo da Venosa, è professore d’Orchestra dei primi violini del Teatro San Carlo e ha partecipato a tournee interazionali come primo violino e solista con diverse orchestre da camera.

biografie

A Bucarest “Belcanto” il 22 ottobre

A Bucarest “Belcanto” il 22 ottobre

Domenica 22 ottobre a Bucarest “Belcanto” diretto dal Maestro Pasquale Menchise

Si riparte dalla Romania e dalla Svizzera. Al via la nuova stagione dello spettacolo di musica sinfonica e canto lirico “Belcanto, The Luciano Pavarotti Heritage” la cui direzione musicale e d’orchestra nonché gli arrangiamenti sono firmati dal Maestro Pasquale Menchise. Appuntamento domencia 22 ottobre a Bucarest nella Sala Palatului. Mentre nella prima settimana di novembre sarà di scena oltralpe con quattro date a Saint-Maurice, Yverdon-les-Bains, Berna e Ginevra.

“Uno spettacolo intenso ed emozionate – dichiara il Maestro Menchise – che ho, ancora una volta, l’onore di dirigere. Arie d’opera, canzoni classiche napoletane e brani pop internazionali, eseguiti secondo i canoni estetici e stilistici del bel canto italiano. E’ un omaggio allo stile tipico della nostra tradizione lirica, la celebrazione dello nostro straordinario patrimonio musicale: dalle origini del Belcanto nel Rinascimento, passando per le celebri composizioni di Verdi, Rossini, Pergolesi, l’opera buffa di Puccini, la canzone napoletana e il grande pop internazionale, tra l’altro, con una coinvolgente versione della celebre ‘Bohemian Rhapsody’ dei Queen. Per il gran finale ‘Nessun dorma’ con l’inserimento della voce inconfondibile di Luciano Pavarotti”.

Reduce dal successo di “Vincerò-Luciano Pavarotti: il racconto di una vita straordinaria” appena una settimana fa al Duni di Matera – di cui ha curato la direzione artistica, la direzione dei cantanti della Pavarotti Foundation e dell’Orchestra Sinfonica Matera 2019 – il Maestro Menchise, di Genzano di Lucania, è dunque ora pronto per il nuovo tour internazionale di “Belcanto”: concerto teatrale, tra lirica e danza la cui direzione artistica è affidata allo show maker di fama mondiale Franco Dragone, prodotto da ARSlab Italy, per la regia di Gianfranco Covino e coreografie di Vittorio Biagi. Dopo il debutto nel 2013 al New York City Center di Broadway, è stato messo in scena, nel corso di questi anni, nei teatri più importanti di mezza Europa e in Usa, Australia, Corea e Giappone.

La Gazzetta_22 ottobre 2017_primapagina

La Gazzetta_22 ottobre 2017

La Nuova_22 ottobre2017